Home / Gastronomia / Cosa serve per entrare nel mondo della ristorazione

Cosa serve per entrare nel mondo della ristorazione

Se stiamo cercando come aprire un ristorante o una pizzeria  dobbiamo prima metterci a tavolino e scoprire quante sono le cose che dobbiamo sapere. Su quali solide basi sarà possibile fondare la nostra impresa in modo che possa essere sempre più solida.

Come prima cosa bisogna potersi appoggiare ad esempio una scuola con esperti che sono nel settore ormai da molti anni ed hanno aiutato imprenditori in questo campo, in Italia e al di fuori dei nostri confini. Esperti che possono aiutarci a 360 gradi su tutto quello che ci serve per poter svolgere al meglio il nostro mestiere senza troppo errori.

Lo sbaglio è un errore sempre dietro l’angolo quando si fanno passi così importanti. Grazie a lezioni e affiancamenti che possono aiutarci e accompagnarci dall’inizio fino alla fine. Ad esempio potremmo avere un aiuto nel cercare il giusto personale. Oggi come oggi non è facile, la ristorazione è un campo studiato da molti.

E se non ci sono studi alla base c’è comunque esperienza nel mestiere, bisogna quindi saper cogliere il meglio delle persone in modo da ricreare alla fine uno staff con i fiocchi. Devono essere persone in grado di lavorare in gruppo, persone che sappiano rispettare i ruoli e i tempi al fine di congiungere tutti all’ottenimento della soddisfazione dei commensali.

Ad esempio un buon cuoco deve essere in grado di comprendere bene il Menù prescelto ma anche di poterlo modificare, se richiesto dal gestore e ciò può avvenire solo se si hanno le giuste competenze e conoscenze. La cucina è fatta per i duri, lavorare dietro quelle porte, a temperature estreme se consideriamo l’estate e i fornelli accesi tutto il giorno, sempre in piedi, non è per niente facile.

Ma neanche lavorare in sala lo è, non solo perché chi ci lavora sta in piedi per buona parte del tempo ma anche perché si sta a contatto con quelle che sono le richieste dei clienti. Richieste a volte legittime, altre volte esagerate. Bisogna quindi mantenere la calma e accontentare il cliente anche quando questo ha torto marcio, perché si sa, il cliente ha sempre ragione.

Sarà utile poi avere un affiancamento anche in quello che riguarda la parte legale, le leggi e le norme che vanno rispettate. Come quelle sull’igiene ad esempio, fondamentali per evitare infezioni e problemi che potrebbero comportare la chiusura del nostro locale anche quando i tempi ci sembrano più floridi che mai.

Una mano consistente insomma che può partire anche dalla gestione delle spese, spese che il più delle volte o sono sbagliate o comunque possono risultare eccessive. Bisogna poi aver a che fare con i giusti fornitori, saper disporre nel modo migliore tutti gli elementi che servono ai cuoci ma anche tutti gli elementi che in sala fanno sentire a loro agio i commensali.

La consulenza sulla compravendita non va mai sottovalutata, di fatto questi esperti possono aiutare sia persone che devono aprire un ristorante o una pizzeria ma anche coloro che non avendo eredi e volendo andare in pensione vogliono fare della vendita della propria impresa, la loro liquidazione.

Ma non solo potranno anche aiutare tutti coloro che invece hanno problemi con il proprio ristorante, gestori che hanno lasciato ad un passato remoto il periodo più florido e ora vogliono riscoprirsi, attraverso nuovi studi e nuove tecniche. 

Chi Siamo Expose

Leggi Anche

Roma: gastronomia francese dal 16 al 19 Marzo 2015

Roma: gastronomia francese dal 16 al 19 Marzo

A Roma, dal giorno 16 al giorno 19 Marzo 2015, tre celebri chef francesi si …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *