Home / Attualità Italia / EX MILITARI ASSEGNATI LONTANI DALLE FAMIGLIE E SENZA ALCUN SUPPORTO
famiglia

EX MILITARI ASSEGNATI LONTANI DALLE FAMIGLIE E SENZA ALCUN SUPPORTO

Nel mese di novembre dello scorso anno la nostra Segreteria Nazionale aveva scritto al SSS on. Matteo Perego, allo Stato Maggiore della Difesa, a Segredifesa ed al Direttore Generale di Persociv, rappresentando gravi criticità per il personale ex militare transitando nei ruoli del personale civile. Praticamente, dopo la emanazione della circolare di Persociv sulla materia, datata 25 luglio 2023, i cui contenuti si sono riverberati nelle disposizioni attuative di Arma, si sono aggravate e rese ancor più evidenti di sempre, le gravi criticità già da anni rappresentate ai diversi livelli dei vertici dell’ Amministrazione Difesa, per le quali abbiamo ripetutamente formulato richieste di confronto e di istituzione di un tavolo tecnico, ad oggi inascoltate. La scelta, invece, adottata dall’amministrazione, è stata quella di istituire un tavolo tecnico senza partecipazione delle parti sindacali, che esclude ogni possibilità: – di contribuire ad una valutazione esaustiva sull’impatto delle misure da adottare; di formulare proposte finalizzate ad una gestione del transito che tenga conto anche delle esigenze di contemperamento delle cure familiari con la vita professionale del personale interessato, e ad un complessivo benessere organizzativo che dovrebbe riverberare i suoi benefici effetti in una migliore organizzazione del lavoro.

Per contro, il rigido approccio adottato dalla parte datoriale, non fa che penalizzare e ulteriormente minare la già fragile condizione dei molti colleghi costretti a lasciare la divisa che avevano scelto di portare; li fa sentire sempre più figliastri discriminati, dopo aver dato al Paese, spesso per ragioni di servizio, la propria salute; e dopo la perdita della salute, arriva lo scotto sulla questione di seguito riportata. La circolare, infatti, oltre una serie di incongruenze, prevede che la scelta della sede di assegnazione, post perdita dei requisiti minimi di imbarco e di F.A., avvenga sulla base delle esigenze funzionali delle FF.AA. di provenienza e non più tenendo conto della ultima regione in cui il dipendente ha prestato servizio da militare. Dunque si applicano all’ex militare transitato le stesse norme previste per l’assegnazione a sede del militare, senza tener conto della differenza fra quest’ultimo (in buona salute, idoneo ed in servizio) e l’ex militare (che in salute non lo è più, che è portatore di patologie permanenti pag.2 adeguatamente classificate e in molti casi ricondotte a causa di servizio) che del primo non ha più né la salute né lo status giuridico.

Un personale che mediamente non è più giovanissimo, che è gravato dalla necessità di specifica assistenza sanitaria, che ha comunque una famiglia e dei figli cui assicurare le cure dovute, che ha responsabilità economiche nei loro confronti, che viene messo in estrema difficoltà se destinato a sedi distanti dall’ultimo luogo di lavoro e di residenza, in quanto è chiamato a scegliere se trasferire forzatamente, sradicandola, tutta la famiglia, o in alternativa accollarsi nuovi carichi economici trasferendosi da solo in una casa nel nuovo posto di lavoro. Nessun margine di tutela è dunque più assicurato al transitato e alla sua famiglia, stante l’impossibilità di mantenere lo “status quo ante”, logistico, economico e familiare, maturato prima del transito. Una situazione che stà minando la vita e la dignità di madri e padri costretti a rinunciare al posto di lavoro per continuare a vivere in qualche modo, personale ex militare, transitato per motivi di salute spesso da ricondurre alla F.A., abbandonato a se stesso, vittima di una circolare in deroga ad ogni tutela familiare, economica e sociale.

Chiediamo, questa volta attraverso la stampa, un intervento urgente del SSS on. Matteo Perego, al fine di sospendere la circolare prot. n. 51229 del 25 Luglio 2023, prima che qualcuno debba sentirsi responsabile di “vite e famiglie distrutte”.

Un appello, inoltre, alla sensibilità del Capo Ufficio Personale Civile di SMM, Vito D’AUTILIO, all’Ammiraglio Enrico GIURELLI ed alla Direttrice Generale di Persociv.

IL SEGRETARIO PROVINCIALE DI FLP DIFESA

DI LA SPEZIA E MASSA –CARRARA

 Christian Palladino

Chi Siamo Redazione

Leggi Anche

E’ irpino l’aglio utilizzato dagli chef nella trasmissione “Mangiare con Gusto” condotta da Adele di Benedetto su Alma TV

Il cuore dell’Irpinia brilla sul piccolo schermo grazie ad O.P. Sabina, l’organizzazione di produttori che …