Home / Società e Cultura / Creati organi artificiali per test sullo smog

Creati organi artificiali per test sullo smog

Si parla spesso di smog e dei problemi relativi alla salute delle persone, per questo motivo l’EPA ha deciso di creare dei piccoli organi artificiali: Fegati, reni e cuori su chip ma basati su cellule umane per testare in modo approfondito quanto lo smog incida sul metabolismo delle persone.
L’Ente per L’ambiente ha realizzato un bel campionario di organi in formato mini, attualmente creati per offrire agli scienziati la possibilità di applicare e testare su chi reali cellule del corpo umano. 18 milioni di dollari spesi per analizzare quanto negativo sia l’impatto dello smog sul corpo umano.

Effetti-dellInquinamento-sul-Corpo-Umano-studiati-graize-a-Mini-Organi-Artificiali-1024x682
La notizia è stata pubblicata dalla rivista Scientific American, l’obiettivo è capire quanto la diossina o il bisfenolo, possono alterare il nostro corpo. Altri Università americane, vogliono utilizzare i mini organi per valutare l’aggressività di virus e batteri letali, una specie di laboratorio artificiale con ricercato che hanno a disposizione centinaia di organi per effettuare ogni tipo di test.
Potrebbe non essere lontano il momento in cui questi organi artificiali, vengano uniti insieme con l’obiettivo di realizzare il primo corpo umano artificiale e valutare la fisiologia della creazione. Attualmente sembra un compito molto difficile, ma di certo nel giro di qualche anno si inizieranno a vedere i primi prototipi.
Entro qualche anno potremo scoprire quali sono gli effetti devastanti dello smog sul nostro corpo e forse sarà troppo tardi per agire e per saltare centinaia di vite. Molti non ricordano che nelle grandi metropoli tantissime persone perdono la vita ogni giorno a causa dello smog.

Chi Siamo Expose

Leggi Anche

Data Black Friday 2016, come funziona e quale giorno ci sarà: negozi online aderenti

Il termine Black Friday significa letteralmente “Venerdì nero” e fa riferimento ad una specifica giornata in …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *