Home / Politica / Governo, Renzi e Mattarella per la successione Lupi
governo_renziem

Governo, Renzi e Mattarella per la successione Lupi

Dopo le dimissioni del ministro delle infrastrutture Lupi, questa mattina c’è stato un colloquio tra il presidente della Repubblica Sergio Mattarella e il presidente del Consiglio Matteo Renzi. Il premier dovrebbe chiedere al capo dello Stato, per valutare bene la scelta del prossimo ministro, di assumere un breve interim.

governo_renzi

Oggi il ministero delle Infrastrutture passerà in modo ufficiale nelle mani del presidente del Consiglio Matteo Renzi. Il premier, per ora, vuole riflettere per qualche giorno sul da farsi e non ha nessuna intenzione di riempire subito la casella della squadra di governo liberata da Maurizio Lupi. Quindi, è salito al Colle per prendere l’interim del dicastero che non dovrebbe durare a lungo. Nel quadro dell’interim breve, il premier si concentrerà principalmente sulle cose da fare più che sull’identikit del nuovo ministro. Ovviamente, il premier è determinato a piazzare un politico scelto all’interno della cerchia più vicina. Se la scelta dovesse ricadera su Delrio sarebbe necessario risolvere la questione legata alle deleghe del Sottosegretario, soprattutto alle deleghe relative alla gestione dei fondi europei. Questa competenza potrebbe essere affidara al futuro ministro degli Affari Regionali o a uno dei sottosegretari alla presidenza o all’esponente del Nuovo centro destra Quagliarello.

governo_renziem

Se Delrio restasse al suo posto, gli altri candidati su cui si ragiona sono: la vicesegretaria del Partito Democratico Deborah Serracchiani (attuale Governatrice del Friuli) e il superconsulente Andrea Guerra. Un’altra ipotesi per risolvere questa situazione è quella di spacchettare lo stesso ministero delle Infrastrutture, sottraendo la struttura di missione, che decide gli appalti, consegnandola nelle mani di Palazzo Chigi. Ovviamente ciò che è certo, e di cui anche la presidenza del Consiglio è consapevole, è che il ministero delle Infrastrutture ha un ruolo chiave, soprattutto alla vigilia dell’ Expo 2015. Per questo motivo, appare difficile che l’interim del presidente del Consiglio possa durare a lungo.

Chi Siamo Redazione

Redazione che fornisce agli utenti notizie ultim'ora dal mondo dell'intrattenimento ed economia , appassionati di musica

Leggi Anche

referendum costituzionale dicembre 2016 opinioni

Referendum Costituzionale Dicembre 2016 Opinioni: perché è meglio votare per il Sì e perché per il No

Manca poco, ormai, all’importante appuntamento del referendum costituzionale, un’occasione per qualsivoglia tipologia di elettore propenso a …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *