Home / Computer / Il bitcoin è inarrestabile

Il bitcoin è inarrestabile

Stavo per scrivere un pezzo sulla vendita di recensioni tripadvisor quando ho deciso, prima di iniziare a lavorare che “fine2 avessero fatto i bitcoin ma con sorpresa li ritrovo ad un valore prossimo ai 1000 euro. Da tre giorni vacillavano, le quotazioni erano scese sotto i 700 dollari nel giro di 24 ore dopo che la cina, in un comunicato ufficiale aveva dichiarato che la moneta si poteva utilizzare ma che non l’avrebbe ufficializzata ed invece la salita del suo valore si è subito ripresa. sintomo questo che cosi come si pensa, la moneta è slegata dalla politica o dai governi ma collegata solo alla legge della domanda e dell’offerta, non tutte le monete, ovvio, la criptomeneta, il bitcoin.

bitcoin

Ecco un video del mio intervento alla conferenza Bitcoin 2013, dove ho dato una più ampia panoramica del progetto e sul mio impegno in esso fino ad oggi.

http://www.youtube.com/watch?v=3-oySaDJHoI

Intanto sulla costola italiana di iTunes i risultati sono già 114; sul negozio digitale di Android, generalmente di maglie più larghe rispetto ai serrati controlli della Apple, si superano di gran lunga i 200. Nemmeno Windows Phone fa eccezione, ignora la tendenza: la scelta è ampia, viaggia intorno alle 50 alternative. È la prova cheil fenomeno dei bitcoin è uscito dai confini di mouse e tastiera, sta contagiando, e invadendo, anche i negozi di app per telefonini e tablet.

Ci sono programmini tascabili per seguire minuto dopo minuto le quotazioni del denaro hi-tech, di questi tempi in generosa ascesa, salvo qualche scivolone improvviso dovuto ai malumori di una potenza economica (vedi Pechino ); altri per controllare se il proprio pc ha contribuito a coniare nuove monete, con annessa ricompensa per chi ha messo a disposizione la propria rete alla community (il cosiddetto mining ). Soprattutto, ci sono tante app per spenderli, ovunque ci si trovi. Per trasformare il proprio borsellino elettronico in un autentico portafogli, da usare nel mondo reale al posto di contanti e carte di credito. A patto, certo, che l’esercente accetti pagamenti in questa valuta.

Negli Stati Uniti sta avendo grande successo Gliph. Disponibile anche nel nostro Paese per telefonini e tavolette con sistema operativo Android, di base è un’applicazione che consente di spedire messaggi sicuri e gratuiti ad altri iscritti. Ma, tra le caratteristiche accessorie, c’è la possibilità di collegare il proprio account di Coinbase.com , un servizio con sede nel centro di San Francisco che ha già quasi 600 mila clienti in tutto il mondo, aggrega 16 mila esercenti, virtuali e non, e dà la possibilità di acquistare, usare e accettare bitcoin garantendo, questa almeno è la promessa dei gestori, livelli di sicurezza degni di una banca. Dando la possibilità a persone comuni, grazie all’alleanza con il programmino per dispositivi mobili, di pagare un caffè, un paio di scarpe, un conto al ristorante, semplicemente toccando lo schermo dello smartphone.

Cosa ne pensate, E’ tempo di investire!

 

 

 

Chi Siamo Expose

Leggi Anche

prestiti

Quali saranno i prestiti più richiesti del 2020?

Contrarre un prestito, sino a qualche anno fa, veniva vista come l’ultima ancora di salvezza …