Home / Attualità Italia / Elezioni, i risultati e chi le ha vinte.

Elezioni, i risultati e chi le ha vinte.

Hanno vinto gli italiani, come sempre. Questo è il verdetto delle elezioni appena terminate, figlie dell’inerzia ormai di lungo corso che annuncia nuove ventate politiche alle porte. Un pò per la crisi, un pò per gli scandali e un pò per quella fisiologica voglia di cambiamento dopo anni di Berlusconi & company, sta di fatto che già da  queste “Comunali” si possono trarre alcune conclusioni. Certo, Bologna è sempre stata di sinistra, come Torino del resto, ma Milano rappresenta in tutto questo una vera e propria bussola.

L’ago non pende più a centro destra come prima o quanto meno si registra una inversione di tendenza che certamente dovrà essere poi confermata dalle elezioni vere  e proprie a fine legislatura. Per il momento, però,  si  vanno delineando quelli che potrebbero essere   i prossimi possibili scenari.

Grazie  a qualche rimpasto di partito, nuove coalizioni e personaggi di rottura alla Grillo, qualcosa si sta muovendo, ma c’è da scommettere che il Presidente del Consiglio non starà li a guardare. Si preannunciano prossime elezioni roventi,  in cui speriamo che i risultati facciano davvero ridere gli italiani se non altro come futuri  propositi e concreti interventi. Sarebbe ora che invece di farsi la guerra a suon di poltrone  si iniziasse  a pensare non agli avversari ma ai cittadini.

Questa è stata la grave pecca che ha tolto  competitività soprattutto alle sinistre in questi ultimi anni, e della quale ha approfittato  il centro destra. Ma  a dire la verità anche il PDL  sembra sull’orlo di emulare  i propri colleghi dell’altra sponda che  fra lotte intestine di potere, alleanze estemporanee, poliche soltanto anti Premier, non sono  riusciti a dare  e darsi credibilità negli ultimi anni. Proprio come ora, dove  tra case milionarie comprate a due lire, il  braccio di  ferro tra Berlusconi e Fini, le “esternazioni” di Bossi e  il walzer di escort tra le proprietà del Premier, i cittadini italiani sembrano stanchi.  Questo significa che tutto sommato alla fine gli elettori  votano sempre  il rinnovamento, il cambiamento, quello che appare più concreto e  più credibile, se non altro nei progetti. Speriamo che Grillo sia un buon profeta, nel senso che la presenza di un  comico come lui, indipendentemente dai successi politici personali, possa annunciare  finalmente  una nuova  Italia sorridente e in palla. Certo, non senza  problemi, questa sarebbe un’utopia, ma già mettere la testa fuori dalla crisi sarebbe un bel  risultato. Tuttavia,  almeno per il momento, il comico genovese rischia più di essere una “mascotte” piuttosto che un vero e proprio concorrente politico; ma pure la Lega all’inizio sembrava ininfluente. Sicuramente  Grillo lo preferivamo televisivamente  ai tempi di “Te la do io l’America”,  ma se  un giorno riuscisse  a contribuire  nel creare un’Italia più trasparente e più onesta dando seguito a quelle lotte ironiche  e sarcastiche che hanno caratterizzato la sua recente carriera pre-politica, allora chissenefrega della destra, della sinistra e di tutti gli altri. Sotto questo punto di vista  ci aveva visto lungo l’indimenticabile “signor G.” quando si domandava, anzi, ci domandava, cosa è  la destra e cosa è la sinistra, ritenendo gli storici orientamenti poltici   solo uno specchietto per  le allodole, oggi più una mistificazione che una identificazuione. In realtà,  basta che si facciano davvero gli interessi degli italiani che dei colori o delle appartenenze non gliene frega più  niente a nessuno.  Purtroppo, però, non bisogna mai dimenticarsi  che l’italia è pur sempre fatta dagli italiani, troppo spesso facinorosi, idealisti e  preconcetti.

E allora aveva ragione Massimo D’Azeglio allorchè  proclamò, una volta unificata l’Italia  ”ora  bisogna fare gli Italiani”! Ma  a giudicare da come siamo ancora oggi, c’è molto da lavorare e  la sensazione è  che questi lavori siano un pò come quelli sulla Salerno-Reggio Calabria, non finiranno mai.

Chi Siamo Expose

Leggi Anche

Prestiti Personali Online

Prestiti personali online: nuovi tassi del 16 Febbraio 2017 da Findomestic, Compass e Agos

Se si cercano prestiti personali online bisogna sapere che, attualmente, banche e finanziarie erogano capitale …