Home / Un po' di tutto! / Come diventare pilota di Rally

Come diventare pilota di Rally

Se anche tu sei un grande appassionato dei motori, almeno una volta avrai sognato di poterti mettere al volante di una potente macchina da rally, poter partecipare ad un campionato e realizzare il tuo sogno di diventare un pilota professionista.

Purtroppo la strada non è delle più semplici, oltre ad una notevole spesa economica,ci vuole anche determinanzione e molto, molto talento.

Per prima cosa per chi si affaccia al mondo dello sport automobilistio di professione, dovrà conseguire una licenza CSAI e buona norma sarebbe aver già frequentato un corso guida sportiva per avere già le capacità di guidare su pista.

Il mondo del Rally è caratterizzato da macchine di varie potenza e cilindrata che subiscono notevoli stravolgimenti, sia da un punto di vista estetico, che da un punto di vista meccanico, tutti questi stravolgimenti hanno certamente un costo e varia molto dal modello di autovettura scelto.

Budget iniziale

Per prima cosa, il giovane pilota dovrà stabilire un budget economico iniziale che possa far partire in tutta tranquillità la sua carriera di pilota, una cifra giusta per iniziare si può aggirare intorno ai 30.000 euro, sembra molto alta, ma nel Rally si paga tutto un po’ per volta. In alternativa se non si vuole acquistare una  macchina in proprio si piò noleggiare tranquillamente per prezzi che si aggirano dai 3.000 ai 15.000 euro, che comprendono uso dell’autovettura, assistenza meccanica, trasporto sul lugo della gara.

Scelta dell’autovettura

La scelta del modello di macchina da utilizzare condiziona anche la categoria di gara nella quale iscriversi, se non si è dei grandi esperti e si stanno muovendo i primi passi come pilota professionista, si consiglia di partire con la classe  Racing Start, la categoria più bassa o dalla classe Gruppo N.

Le classi del campionato di Rally sono divise a seconda della cilindrata dell’auto usata e dal suo grado di elaborazione, nella classe Entry Level, le macchine sono quelle di serie a cui si aggiunge solo gli allestimenti di sicurezza.

L’equipaggiamento di sicurezza+

Una volta scelta l’autovettura che fa al caso nostro bisogna acquistare l’equipaggiamento di sicurezza che consiste in tuta, sottotuta, guanti ignifughi, casco, scarpe e collare Hans necessario è che tutto questo abbigliamento sia omologato FIA

 

Chi Siamo Expose

Leggi Anche

Noleggio a lungo termine, cos’è e come funziona

Il noleggio a lungo termine è una pratica che sta prendendo piede tra i professionisti …