Home / Lavoro / Come aprire un ristorante

Come aprire un ristorante

Se stiamo perdendo il sonno e la fantasia su come aprire un ristorante o una pizzeria abbiamo proprio bisogno di aiuto. Un consiglio è quello di affidarsi a professionisti del settore che da anni mettono a disposizione le loro conoscenze, basate su solide esperienze e ovviamente, comprese di tutto ciò che di nuovo si può trovare in questo panorama.

Possiamo trovare così assistenza nello studio e nello sviluppo di un progetto nuovo ma anche nel suo rilancio, usufruendo dei nuovi concetti di ristorazione che aggiornano questo mondo costantemente, senza alcun limite di attività ristorativa. Avendo così a disposizione un’assistenza continua, la consulenza per il lancio di nuovi progetti o di nuovi prodotti.

Consulenza anche nell’elaborazione dei menù di ristoranti, pizzerie, birrerie e pub. Con ricette che possono al tempo stesso riguardare sia un pizzico di passato, senza dimenticare la tradizione ma aggiungendo tecniche innovative e all’avanguardia per quanto riguarda la cottura e la giusta conservazione degli alimenti.

Si può usufruire anche di guide per le tecniche di vendita ma anche di comunicazione e di fidelizzazione di clienti che sono la base della vita del ristorante o della pizzeria che ovviamente deve puntare ad un portafolio clienti sempre più ampio. Un aiuto fondamentale viene dato anche per quanto riguarda l’ottimizzazione delle spese.

Spesso infatti si tende o ad esagerare, convinti che più si spende più si guadagna senza però stare attenti a come si spende o si tende a fare l’opposto. Ovvero a fare economia pensando di poter ottenere la stessa qualità di chi invece spende il giusto. Inoltre a disposizione dei clienti, seminari per quanto riguarda le tecniche di vendita associate alla fidelizzazione del cliente.

Tecniche fondamentali per il personale di sala, il quale deve essere qualificato ed esperto su tutti i contenuti del menù. Da qui fondamentale quindi il saper trattare con ogni tipo di cliente anche il più difficile, facendolo sentire comunque il benvenuto, sempre. Un buon cameriere deve saper vendere ciò che il ristoratore mette sul menù, si imparerà poi che tale conoscenza può essere d’aiuto allo chef in caso di difficoltà, come la mancanza di un prodotto più tosto che un altro.

In casi del genere un cameriere può di fatto salvare la situazione vendendo ai commensali un piatto più tosto che un altro senza estrapolarlo dal menù ma semplicemente consigliandolo con maggior enfasi. In questo modo non sembrerà che ci sia stata una mancanza da parte del ristoratore, in situazioni del tutto normali poi.

E ciò è a disposizione di tutti, da chi intende collocarsi ora nel mondo della ristorazione a chi semplicemente vuole dare un rilancio alla propria attività, con un aria più fresca e di ringiovanimento. Tutti potranno ottenere delle linee guida dettagliate da seguire, linee guida che possono andare dall’impiego del personale fino alla gestione completa del ristorante o della pizzeria, in modo da rendere l’attività più redditizia, questo è lo scopo principale di tale aiuto.

Un aiuto fondamentale se pensiamo che stiamo investendo i nostri soldi, il nostro tempo nel nostro futuro ma anche nel futuro di chi crede in noi e che insieme a noi si mette in gioco.

 

Chi Siamo Expose

Leggi Anche

Alternanza scuola-lavoro, i motivi della protesta degli studenti

Nei giorni scorsi, contro la cosiddetta alternanza scuola-lavoro, c’è stata la protesta degli studenti che …