Home / Bellezza e Salute / Patologie intestinali e colonproctologia: di cosa si tratta e quanto incide

Patologie intestinali e colonproctologia: di cosa si tratta e quanto incide

Tumore-al-colon-586x427-300x218L’evoluzione clinica e degli approcci medici in fase di diagnosi e trattamento ha recentemente dato vita a diverse nuove branchie mediche, e soprattutto chirurgiche in via specialistica, tra le quali una su tutte si sta occupando d’indagare sui fenomeni a carico del tratto intestinale terminale responsabile di diverse patologie i cui effetti si riflettono sia sull’alimentazione che nella vita quotidiani, con disturbi che spesso i soggetti affetti trovano difficile tra affrontare sia nel senso clinico che psicologico, a causa di freni tipici quando si tratta di problemi afferenti alla sfera della colonproctologia.

La colonproctologia, argomento ancora poco diffuso nell’ambito clinico quanto anche nella sfera informativa, è però una delle realtà emergenti, tanto da spingere alla realizzazione di molte unità operative specialistiche all’interno di vari ospedali, il tutto andando a migliorare la qualità dei livelli assistenziali grazie ad una riduzione delle spesa, attuata con una migliore gestione ospedaliera dei ricoveri e delle scelte procedurali, seppur condotte verso l’intervento chirurgico che viene, in questo caso, studiato nei vari aspetti cercando d’individuare il più consono rispetto al caso in essere. Tra le patologie interessate dal campo d’azione spiccano le ragadi anali, emorroidi, prolasso, pelvi e persino sindromi come fistole, diverticoli del colon, malattie infiammatorie e tutte quelle patologie che, nel senso più ampio, colpiscono colon, retto ed ano, aree terminali dell’intestino interessate.

Prima quindi di passare a rimedi naturali, o anche di varia natura, per alcune di queste patologie, è infatti noto come spesso prima di ricorrere ad un consulto le persone tentino qualsiasi cosa affidandosi persino al passaparola, particolarmente deviante, pur di evitare la temuta fase della diagnosi medica, è importante informarsi accuratamente sulle possibilità che la colonproctologia offre, oltre che sul raggio d’azione per capire se se ne faccia parte. Se si considera, ad esempio, l’incontinenza fecale oppure la stipsi, fenomeni particolarmente diffusi e legati spesso anche ad effetti di riflesso come le emorroidi, la situazione può notevolmente peggiorare in caso di rimedi fai da te, con diete poco adatte, aspetti facilmente evitabili tramite una visita che possa permettere di conoscere la patologia, il grado di complessità e le manovre d’azione, sebbene poi il suggerimento possa diventare anche chirurgico, al fine di effettuare una risoluzione delle problematica in via definitiva.

La colonproctologia si occupa infatti di valutare, come fase importante, la diagnosi per stabilire una procedura d’elezione che possa considerare tutti gli elementi circostanziali del paziente, non soltanto quelli prettamente clinici ma anche quelli psicologici, i tempi di recupero, e tutto ciò che possa avere effetti sul pazienti nel lungo termine, il tutto per una serie di valori che arricchiscono la branchia d’indagine favorendone la crescita, la stessa che stiamo ammirando nell’ultimo periodo e che ci sta consentendo lo sviluppo di sempre più equipè specializzate, rendendo l’argomento uno degli emergenti e più ricercati, grazie anche alla sempre maggiore consapevolezza degli utenti sulla necessità di doversi informare in tal senso.

Secondo dati statistici, ancora acerbi e privi di conferma, la riduzione delle recidive nella patologie intestinali dei tratti terminali, grazie proprio a questo tipo d’approccio, sarebbe sensibilmente al ribasso.

Chi Siamo Expose

Leggi Anche

I rimedi agli attacchi di panico: imparare a riconoscere le proprie paure

Il disagio psicologico viene spesso vissuto sotto forma di attacchi di panico, o di ansia, …