Home / Ambiente e Architettura / Un angolo lettura in camera da letto

Un angolo lettura in camera da letto

Di solito è il fulcro della zona notte, ma per una camera da letto che si rispetti occorre in fase di progetto pensare a una illuminazione soffusa, con particolare attenzione all’angolo lettura se posto ai lati del letto.

Illuminazione angolo lettura in camera

Del resto, la luce a fianco di chi dorme è l’ultima che si usa e la prima ad essere accesa la mattina, che sia  la lampada da tavolo ceramica o la classica abat-jour, bisogna pensare a come illuminare questa zona di importanza fondamentale in maniera originale. Del resto, questa sorta di stanza nella stanza si adatta a tutti gli ambienti, visto che dal nulla si può ricavare anche nel salotto o nella cucina, però molti designer prediligono collocarlo in una zona adibita al relax e al riposo piuttosto che nella zona giorno, in cui le attività possono diventare molto frenetiche.  Esistono diverse soluzioni per avere un punto luce idoneo a leggere, come ad esempio dei lampadari da soffitto orientabili, in modo da non avere una luce disturbante, oppure una lampada sospesa con trame che disegnano eleganti e soffusi giochi di luce geometrici, perfetti per creare atmosfera. L’importante è che la luce calda si diffonda solo nella direzione del lettore, non di chi riposa. E’ anche vero che l’ideale sarebbe usufruire della luce naturale che filtra da delle ampie finestre, ma non si può ottenere sempre tutto.

Caratteristiche di una postazione lettura

Non ci vuole tanto per creare dal nulla un angolo adibito a leggere e a rilassarsi. Sicuramente ci dovrà essere un elemento di arredo che permetta di sedersi regolarmente, come una poltrona. La seduta dovrà essere accogliente, magari con un poggiapiedi incorporato o una chaise longue per poter allungare le gambe. E’ gradito un piano di appoggio qualora si hanno vari libri e riviste, o solo per appoggiare una tazza di tè o caffè. Indispensabile la libreria o un portariviste per riporre ordinatamente il tutto. Se manca lo spazio, via libera ad altre soluzioni, come il tavolino con secondo ripiano basso, perfetto per riordinare ogni cosa. In mancanza di spazio, si può ricavare da una nicchia, posizionando gli arredi in maniera essenziale. Se non c’è posto neanche per un angolino, l’unica soluzione è ricavarla dal letto, magari inserendo una testiera imbottita o tanti cuscini per rendere comoda la seduta.

Tavolino sì o no?

Il classico tavolino basso può essere collocato nei pressi del letto in modo da appoggiare libri, bevande ed eventuali decori? Il tavolo basso non è obbligatorio, specialmente se è già presente il comodino, ma può essere utile a patto che sia di una altezza che possa permettere di muoversi comodamente e in sostituzione del comune mobile da camera. Sono ottimi quelli con ruote incorporate e con degli scaffali, poco ingombranti ma molto capienti, soprattutto se non c’è spazio nella libreria. In alternativa, si può usare un vassoio con cavalletti richiudibili, comodo da aprire solo al bisogno e idea salvaspazio, visto che basta chiuderlo quando non serve più e posizionarlo sotto il letto o dietro il comodino.

Chi Siamo Redazione

Redazione che fornisce agli utenti notizie ultim'ora dal mondo dell'intrattenimento ed economia , appassionati di musica

Leggi Anche

Multe salate per mozziconi di sigarette e scontrini per terra dal 2 febbraio

Multe salate per mozziconi di sigarette e scontrini per terra dal 2 febbraio

Finalmente la legge che protegge l’ambiente diventa realtà dal 2 febbraio 2016. Sono previste multe …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *