Home / Bellezza e Salute / Rimedi stitichezza: al via lo studio sulla capsula vibrante

Rimedi stitichezza: al via lo studio sulla capsula vibrante

DOLORE-1Non sempre i problemi intestinali, appartenenti alla vasta gamma di complicazioni che ogni giorno possono insorgere ai vari tratti, sono di facile risoluzione, ciò nonostante l’avanzamento delle tecnologie, delle conoscenze alimentare e persino dello sviluppo farmacologico, i cui principi attivi dovrebbero risolvere la quasi totali dei problemi, un limite moderno che in particolare nel campo dei rimedi stitichezza trova la sua massima espressione a causa degli scarsi interventi attuabili sulla motilità intestinale, provocando sofferenza a centinaia di persone schiave dei disturbi correlati, non potendo sostenere tutte le proprie attività.

Gli studi per comprendere i motivi della stitichezza sono stati, nel corso del tempo, vari e molteplici ponendosi come obiettivo quello di poter definire con maggior rigore le reali cause alla base del blocco intestinale che limita il fisiologico espletamento di quanto assunto dando vita ad una serie di disturbi e patologie connesse che affliggono una buona parte della popolazione, secondo precisi analisi e ricerche dei gastroenterologi italiani a maggioranza d’interesse femminile con circa 8 su 10, dei soggetti colpiti, proprio appartenenti alle quote rosa, e tra i quali spiccano emorroidi e persino ragadi anali, nei casi più complessi. Una importante novità pare però stia per arrivare tra i rimedi stitichezza, un concetto innovativo che dovrebbe portare numerosi vantaggi nella riduzione dei casi d’incidenza delle patologie trattate, migliorando anche la qualità dell’assorbimento del cibo, ed il relativo transito intestinale, con la capsula vibrante.

L’idea sarebbe stata sviluppata da un team di ricerca israeliano che dopo aver monitorato i vari rimedi stitichezza, riuscendo a catalogare per ognuno i punti deboli, avrebbero compreso a partire dai loro fallimenti in percentuale i punti verso i quali agire potendo così modulare le conoscenze e le energie in direzione di soluzioni nuove, come per l’appunto la pillola, denominata nel progetto come “capsula” dotata di una capacità motoria tale da avviare una vibrazione all’interno dell’intestino, e durante il proprio transito, adatta a stimolare i fasci muscolari dell’organo favorendo la fisiologica peristalsi. La capsula è stata realizzata con una particolare rivestimento studiato per resistere ai succhi gastrici ed ai vari processi di demolizione organica, ciò per proteggere il meccanismo motore interno il cui funzionamento è garantito per circa 8 ore post-ingestione, per poi essere evacuata, sebbene non siano state fornite, almeno per adesso, ulteriori informazioni riguardo un possibile riutilizzo, né tanto meno sui possibili rischi associati in caso di mancata espulsione.

L’inserimento di questa nuovo metodo d’approccio tra i rimedi stitichezza, potrebbe andare a modificare del tutto l’approccio che i pazienti hanno verso tale disturbo, incidendo notevolmente non solo sulle complicanze come le emorroidi, molte delle quali trattate chirurgicamente, ma anche sui vecchi sistemi utilizzati sino ad oggi per trattare, con molto successo, il problema, tra i quali spiccano: i farmaci lassativi, oltre a varie altre soluzioni per stimolare la digestione, ed i vari rimedi stitichezza naturali basati su di un’alimentazione sana con yogurt, acqua, latte, prugne e fibre, oltre vari altre tipologie di cibi che si è soliti tramandare di generazione in generazione tramite i vecchi detti e le tradizione popolari.

Chi Siamo Expose

Leggi Anche

influenza intestinale inverno 2016-2017

Influenza Intestinale Inverno 2016-2017: quali sono i sintomi e le cure naturali

L’arrivo, ormai imminente, del periodo invernale 2016-2017 porta con sé le abituali indisposizioni psico-fisiche stagionali …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *