Prestiti Compass Online 20 Novembre 2016: migliori prestiti personali TotalFlex Easy

Se si ha bisogno di liquidità non c’è altra soluzione che un finanziamento personale. I prestiti Compass sono tra i più convenienti del mercato e si possono effettuare simulazioni e preventivi direttamente online dal sito web della finanziaria. Grazie ai prestiti Compass è possibile ottenere liquidità fino a un massimo di 30000 euro grazie alle offerte Easy, Total Flex, Cifra Tonda, Unica e Jump.

L’offerta Total Flex Compass

L’offerta Total Flex Compass è una delle più innovative nel mercato dei prestiti personali perché offre tutta la flessibilità di cui si ha bisogno in campo finanziario. Si può infatti decidere nel tempo in quanti mesi si intende restituire il prestito, aumentando o diminuendo di conseguenza l’importo della rata in base alle disponibilità economiche che si hanno che possono infatti variare nel tempo.

Se un mese addirittura non si ha la possibilità di saldare una rata si può addirittura decidere di saltarla, recuperandola alla fine del periodo di finanziamento. Tale opzione si può utilizzare solo una volta l’anno per un massimo di 5 volte.

Per poter richiedere il prestito personale Compass occorre avere un’età compresa tra i 18 e i 70 anni e occorre risiedere in Italia e presentare la busta paga se si è dipendenti, il cedolino della pensione se si è pensionati o la dichiarazione dei redditi se si è dei lavoratori autonomi. Se si decide di fare tutto via web occorre caricare i documenti richiesti, tra cui anche il codice fiscale e un documento di identità, direttamente tramite il form che viene proposto sul sito web. Il tutto è molto semplice e quindi utilizzabile anche da coloro che non hanno troppa dimestichezza con la rete.

Prestiti online: i tassi di interesse Compass

I prestiti personali Compass vanno da un minimo di 5000 a un massimo di 30000 euro con Tan massimo del 15,15% e Taeg massimo del 20,50%. I tempi di restituzione variano dai 24 agli 84 mesi, naturalmente il Taeg sarà tanto più alto quanto sarà lungo il periodo di prestito, questo perché come è logico una durata lunga di un prestito fa aumentare i costi di gestione della pratica e di conseguenza il Taeg, che segna l’effettivo costo del prestito Compass in quanto raggruppa non solo l’interesse sul finanziamento ma anche e sopratutto il costo annuale della pratica.

Quando si sceglie un prestito è infatti bene non basarsi sul Tan ma sul Taeg, in quanto sarà questo poi a far lievitare verso l’alto o verso il basso (si spera) la rata mensile del finanziamento.

Christian Vannozzi

Giornalista Pubblicista, già redattore per tuttogratis.com e per Leonardo Adv per temi riguardanti l'economia e il turismo. Redattore freelance per la testata giornalistica SuperNews.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *