Home / Sport / MotoGp e Formula Uno: l’Italia trionfa
MotoGp e Formula Uno_rossi

MotoGp e Formula Uno: l’Italia trionfa

Ieri è stata una domenica targata Italia con la vittoria della Ferrari di Sebastian Vettel in Malesia e di Valentino Rossi sul circuito di Losail in Qatar. Alla giornata dei motori italiani contribuisce anche la Ducati, che soprende le Honda d Pedrosa e Marquez, portando sul primo podio del Motomondiale 2015 Iannone e Dovizioso. Insomma bentornata Italia dei motori con il riscatto della Ferrari che non vinceva dal 2013, quando Fernando Alonso portò il Cavallino rampante di Maranello duranre il Gran premio di Spagna (sul circuito di Montmelò vicino a Barcellona). Bentornate anche alla due ruote tricolori. L’ultimo podio tutto italiano risale a nove anni fa, a Motegi quando nel 2006 Loris Capirossi, Valentino Rossi e Marco Melandri salirono sul podio. Proprio Valentino Rossi ha confermato questa giornata targata Italia, aggiungendo al suo curriculum la 109sima vittoria mondiale. È un campione che a 36 anni e alla ventesima stagione in moto, non termina mai di divertirsi come all’inizio e di stupire.Alle spalle di Rossi, risalito dal decimo posto, chiudono le due Ducati di Dovizioso e Iannone, invece quarto è Jorge Lorenzo con la seconda Yamaha ufficiale. Quinto Marc Marquez e sesto Dani Pedrosa, con le due Honda ufficiali. La gara della MotoGp è stata caratterizzata dalla battaglia tra le Ducati e le Yamaha.

MotoGp e Formula Uno_rossi

Vettel ha trionfato precedento Lewis Hamilton (Mercedes) e Nico Rosberg. Quinta e sesta posizione per le Williams di Valtteri Bottas e Felipe Massa. Settima la Toro Rosso del 17/enne Max Verstappen davanti al compagno di squadra Sainz Junior. Nona e decima la Red Bull con Kvyat e Ricciardo.

MotoGp e Formula Uno_ferrari

Chi Siamo Expose

Leggi Anche

Diretta TV Canale 5 Champions League martedì 22 e mercoledì 23 novembre 2016: Juventus o Napoli in chiaro?

Grande settimana per il calcio europeo, con diversi appuntamenti legati alle competizioni per club che …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *