Home / Bellezza e Salute / L’uso del defibrillatore

L’uso del defibrillatore

Le malattie al cuore sono la maggior causa di morte al mondo, uccidono circa 13,5 milioni di persone l’anno, specialmente nei paesi in cui è registrato un tasso di reddito medio\alto,  a informarci di questa situazione è l’OMS, l’organizzazione mondiale della sanità.

Diventa quindi necessario per molti conoscere le tecniche di rianimazione, come il primo soccorso BLS e l’utilizzo di un defibrillatore, per salvare le vita di molte persone e intervenire tempestivamente prima che sia troppo tardi.

Il defibrillatore ad un neofito sembra uno strumento complicato ed in parte anche pericoloso, in realtà è di uso molto semplice, poiché svolge le sue funzioni in maniera automatica. Il compito del soccorritore si espleta esclusivamente nell’applicare nel giusto modo gli elettrodi, e nel far partire la scossa quando è necessaria, attenendosi strettamente alle istruzioni.

Vi spiegheremo di seguito a grandi linee come si utilizza un defibrillatore semiautomatico (DAE):

In caso di vittima di arresto cardiaco e dopo aver tentato una rianimazione cardiopolmonare, il soccorritore dovrà accendere l’apparecchio e seguire le indicazioni della voce guida.

Per prima cosa bisognerà applicare gli elettrodi sul corpo della persona da reanimare, uno va posto in corrispondenza della clavicola destra, l’altro sotto la zona mammaria sinistra lungo la linea ascellare anteriore.

Imporante è che gli elettrodi aderiscano alla pelle del soggetto, quindi nel caso di incidente in piscina o al mare, bisognerà asciugare bene la parte prima di applicarli.

Successivamente all’applicazione il DAE esegue la scansione automatica del ritmo cardiaco, in questa fase è apportuno che tutti i soccorritori si allontanino dal paziente. Se il Dae ne trova necessita annuncia “Shock consigliato” e carica in pochi secondi l’elettricità pronta ad essere erogata. Il soccorritore si potrà avvicinare al paziente senza però toccarlo, potrà quindi premere il pulsante che lampeggia per attivafre la scarica elettrica. Non erogare la scarica in presenza di pozze d’acqua e in luoghi in cui la sicurezza del paziente e dei soccorritori possa essere messa in pericolo.

Il defiblillatore consiglia poi di riprendere la rianimazionie cardiopolmonare per altri due minuti prima di porcedere nuovamente alla scansione e nel caso emettere un’altra scarica.

L’articolo in questione è solamente informativo, per poter utilizzare un defibrillatore bisognerà prima aver frequentato un corso di primo soccorso BLS e un apposito corso per il suo impiego.

Chi Siamo Expose

Leggi Anche

influenza intestinale inverno 2016-2017

Influenza Intestinale Inverno 2016-2017: quali sono i sintomi e le cure naturali

L’arrivo, ormai imminente, del periodo invernale 2016-2017 porta con sé le abituali indisposizioni psico-fisiche stagionali …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *