Home / Casa e Giardino / Come scegliere i rubinetti per il bagno: le tipologie a disposizione

Come scegliere i rubinetti per il bagno: le tipologie a disposizione

Scegliere i rubinetti per il bagno spesso comporta qualche difficoltà. È frequente l’indecisione, anche perché in commercio esistono differenti modelli, che si diversificano sia per la forma che per le dimensioni. Naturalmente i rubinetti per il bagno in commercio differiscono anche per quanto riguarda il prezzo. Proprio per questo motivo, quando dobbiamo scegliere i rubinetti da mettere nella stanza da bagno, oltre a tenere conto di una questione di stile e di design, dobbiamo anche prendere in considerazione il budget che abbiamo a disposizione. Vogliamo offrirvi una piccola guida in cui esaminiamo i fattori che possono influenzare la scelta dei vari sanitari presenti nel bagno, con alcuni consigli e suggerimenti che si possono rivelare molto utili.

Come scegliere i rubinetti per il lavandino

Se vuoi tenere conto di alcuni modelli di rubinetti per il lavandino che ti possono interessare, clicca qui. Potrai scoprire in questo modo che esistono differenti modelli. Per esempio ci sono quelli da appoggio o quelli incassati direttamente nel muro. Inoltre puoi scegliere tra quelli con miscelatore o senza di esso e tra quelli a bocca bassa o alta.

Fra i rubinetti d’appoggio piuttosto utilizzato è il rubinetto monocomando. Quest’ultimo è molto comodo perché con una sola mano ti permette di controllare la temperatura dell’acqua e il getto.

Per quanto riguarda invece i rubinetti con installazione a parete, puoi scegliere tra i miscelatori a due fori, sempre con caratteristica principale il monocomando, o, in alternativa, i rubinetti a tre fori con due leve.

I rubinetti a bocca alta per i lavabo del bagno sono quelli che ultimamente ottengono più successo, perché piacciono soprattutto dal punto di vista estetico.

Come scegliere i rubinetti per la vasca e per la doccia

Per quanto riguarda la vasca, puoi scegliere tra rubinetti a muro e rubinetti da appoggiare direttamente sulla vasca stessa. C’è anche un’altra soluzione che si distingue per la sua funzionalità: si può scegliere un rubinetto da utilizzare sia per la vasca che contemporaneamente per la doccia, se l’installazione della doccia avviene all’interno della vasca.

Anche per quanto riguarda la doccia si può scegliere tra modelli esterni o da incasso. Inoltre puoi scegliere tra il miscelatore classico e il miscelatore termostatico.

Quest’ultimo è molto pratico da utilizzare, perché presenta un vero e proprio termostato attraverso il quale puoi regolare la temperatura e puoi fare in modo che essa rimanga stabile nel tempo.

Quindi il miscelatore termostatico è ideale soprattutto per la doccia, anche se il suo uso non è limitato soltanto a questa soluzione. Infatti non è raro vedere i miscelatori termostatici che vengono scelti anche per altri sanitari presenti all’interno del bagno, come il lavandino o la vasca.

La fascia di prezzo è chiaramente più alta per quanto riguarda i termostatici e, in generale, tieni sempre presente che i più cari fra i rubinetti che abbiamo descritto sono quelli da usare per la doccia, che possono arrivare a costare anche 500 euro, a seconda della qualità del modello che preferisci.

La varietà di opzioni è davvero molto ampia, quindi tieni conto anche dell’impatto estetico, quando scegli il tipo di rubinetteria che ritieni più adeguato alle tue esigenze.

Chi Siamo Redazione

Redazione che fornisce agli utenti notizie ultim'ora dal mondo dell'intrattenimento ed economia , appassionati di musica

Leggi Anche

Arredare un monolocale, design in poco spazio

Pochi metri quadrati a disposizione e nessuna idea sull’arredamento di un monovano?  Per arredare spazi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *