Azioni Nintendo novembre 2016: passato l’effetto Pokemon Go, quali sono le previsioni sulla quotazione?

Nintendo, colosso nipponico dell’intrattenimento videoludico, sta vivendo un periodo di transazione, a livello economico, che si riflette soprattutto sull’indice di Borsa registrato nei principali luoghi del mondo specializzati per tale scopo. Le azioni Nintendo di novembre 2016, infatti, fanno registrare un lieve calo che, nonostante le dimensioni, rappresenta un valore significativo, visti e considerati i recenti fasti del periodo d’oro del Pokemon Go, autentico mattatore della stagione estiva e incredibile supporto finanziario per avvalorare ancora di più l’immenso prestigio della compagnia giapponese. Tuttavia, il mercato è un continuo saliscendi, e spetta alla stessa Nintendo trovare un rimedio per ingraziarsi i principali investitori del momento.

Azioni Nintendo novembre 2016, il calo in Borsa dopo l’effetto Pokemon Go

Il boom suscitato dall’arrivo di Pokemon Go ha dato una decisa spallata agli indici dei diretti concorrenti della Nintendo. Dallo scorso luglio, infatti, la celebre compagnia, ricordata da generazioni e generazioni di videogiocatori per la creazione di titoli e character rimasti nell’immaginario collettivo (Super Mario, Zelda, Donkey Kong e Metroid, giusto per citarne qualcuno) ha avuto una crescita del proprio pacchetto azionario pari al 50%, con ripercussioni benefiche per la società in materia di promozione ad ampio raggio, investimenti nel settore ricerca e sviluppo e incremento delle tecnologie, per le componenti hardware e software attualmente in suo possesso. Una volta, però, esaurito questo magico effetto economico, Nintendo si è trovata a fare i conti con una realtà ben dura da digerire, complice anche il verificarsi di alcune criticità collaterali che ne hanno minato la serenità operativa. Ad oggi, il suo titolo in Borsa ha una quotazione di 205,17 euro, e i cali percentuali giornalieri si attestano mediamente sul 2-3%. Insomma, un quadro buio, quello del mese di novembre 2016, dal quale fuoriuscire il prima possibile.

Nintendo Switch e mobile game: quali sono le previsioni sulla quotazione?

La presentazione della nuova Nintendo Switch, unita ad un progetto che porterà alla sperimentazione del mobile game (sollecitata, soprattutto, dal recente accordo con Apple), dovrebbe risollevare la quotazione del titolo della grande N, solleticando così gli appetiti di investitori di mezzo mondo. Ad ogni modo, è consigliabile aspettare i primi mesi del 2017 e capire quale sarà l’impatto effettivo, sia sul pubblico che sui mercati finanziari, delle nuove proposte nintendiani, altrimenti si rischia di fare delle pianificazioni piuttosto incerte le cui zone d’ombra saranno di difficile risoluzione per ogni tipologia di trader, principiante o esperto che sia. Un monito previsionale da non sottovalutare al fine di non dilapidare il proprio patrimonio economico-finanziario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *